Piccoli Consigli per una sana alimentazione

Quando si vuole prendere una scelta nella vita, approfondire qualche argomento nella quale si è già tirati in causa o semplicemente informarsi è bene comprendere e chiarire fin dall’inizio quale strada si sta intraprendendo o quale informazione si sta acquisendo. Per far si che questo accada è meglio formare un’idea base ben chiara sulla quale andremo a far crescere a seconda di quella credenza o semplice informazione la nostra persona e il nostro stile di vita;

salute e benessere, Ivan Errante

Oggi tratteremo nello specifico gli effetti dell’alimentazione sull’organismo, come essi riescano a prevenire malattie e come basare la nostra dieta alimentare generica (tendo a sottolineare la parola generica nonostante i dati da me più avanti riportati presi da ricerche scientifiche, consiglio fortemente l’aiuto di un buon nutrizionista, in quanto ognuno di noi ha bisogni e meccanismi di digestione differenti).

Come alimentarsi?

Prima che le grandi multinazionali entrassero nel mondo del consumismo aumentando a sua volta il cibo OGM, una grande parte delle calorie proveniva da cibi bioligici aventi i nutrienti necessari per la salute dell’organismo; oggi invece prevalgono prodotti raffinati, oli vegetali, zuccheri semplici, grassi che spesso sono tutti nutrienti maggioritari fornendo al nostro organismo scarsissimi micronutrienti presenti in queste fonti alimentari. Il primo passo a cui attenersi è di comprare gli alimenti composti con un massimo di 5 ingredienti in modo da evitare cibi troppo lavorati, assumere alimenti biologici e integrali, ma sopratutto assumere gli alimenti con la consapevolezza della loro qualità nutrizionale, così da fornire il necessario per la vita dell’organismo.
Ma ora passiamo alla pratica.


Fondamentali sono i cibi antiossidanti, alimenti ricchi di vitamine e minerali che apportano notevoli benefici al nostro organismo tra questi troviamo: la carota, cipolla, aglio, agrumi, frutta secca e alcuni frutti (come per esempio la mela). Ottimi sono gli alimenti ricchi di amido (polenta, pasta, riso, patate, pane), sempre meglio che il cereale sia integrale; Si consiglia il cereale integrale anche per l’alto contenuto di fibre, molto utile per l’assorbimento dei grassi e nel riservare all’organismo zuccheri di qualità. Questi alimenti contengono un alto valore energetico e un bassa quantità di grassi (in caso di patologie come l’obesità, pane, pasta e riso vanno limitati). Pesce e legumi sono i migliori fornitori di proteine sia per il basso contenuto di grassi ma anche per la facilità di digestione dell’organismo. Verdure fresce e i probiotici come yogurt magri, kefir non possono mancare in una dieta, fornisco un grandissimo aiuto all’intestino e inoltre le verdure (tra i loro mille benefici) aiutano a tener puliti gli organi e i sistema linfatico e cardiovascolare. anche la carne e il latte/latticini possono essere consumati ma in maniera molto moderata: Per le carne bianca l’assunzione può arrivare ad un massimo di 2/3 volte alla settimana, per carne rossa meglio se solo una volta a settimana (prediligere carne di cavallo e manzo), invece l’assunzione del latte e latticini se è possibile limitarla ad un massimo di 2 volte la settimana. Alcune ricerche riguardanti la carne rossa e il latte mostrano la possibilità che questi alimenti a lungo andare possono essere dannosi per l’organismo, siccome su questo argomento vi sono ancora molte incertezze e dispute, io consiglio semplicemente di moderarne l’assuzione evitando un sovraccarico all’organismo. Invece sarebbe bene limitare il consumo di grassi animali (lardo, burro, strutto, panna…) che contengono quantità elevate di grassi saturi. Evitare se è possibile gli insaccati (salsicce, salame, wurstel, mortadella…), in caso preferire carni magre (crudo,bresaola, tacchino, speck) ricordando sempre che contengono un alto contenuto di sale; troppo sale aumenta la pressione arteriosa, ridurlo nei nostri pasti non è poi così difficile poiché facilmente sostituibile con spezie o erbe aromatiche. Come già parlato prima bisogna limitare anche il consumo di formaggi prediligendo formaggi freschi e a basso contenuto di grassi (ricotta di mucca, stracchino, primo sale…); inoltre si sconsiglia di mangiarlo a fine pasto e considerarlo come un secondo piatto, sostitutivo alla carne o al pesce o alle uova. Per quanto riguarda i condimenti privilegiare l’olio extra-vergine di oliva (ricordando che comunque gli oli hanno un alto valore energetico), utilizzare spezie come origano, rosmarino, pepe, curcuma, cannella […] aiutano a bruciare i grassi e ad accellerare il metabolismo. Ovviamente limitare i dolci e l’uso di bevande zuccherate, meglio dolci fatti in casa, preparati sempre con quantità moderate e sostituire le bevande zuccherate con spremute, centrifughe e infusi; evitare totalmente i dolci industriali.

Piccolo promemoria


Qui sotto vi lascio un piccolo elenco formato da consigli e promemoria per tenere un’alimentazione e uno stile di vita sano:
1- SI alla frutta (meglio a stomaco vuoto, lontano dai pasti)
2- PIU’ ortaggi, legumi e cereali INTEGRALI
3- SI alla frutta secca, moderando l’assunzione poiché ricca di grassi
4- LIMITARE latticini, carne rossa, zuccheri, sale, dolci e bevande alcoliche come birra e vino
5- ELIMINARE dolci industriali e super alcolici
6- VARIARE la dieta alimentare nell’arco della settimana
7- PRENDERSI un giorno libero dalla dieta
8- TENERE idratato il corpo
9- FARE attività fisica
10- AFFIDARSI ad uno specialista (saprà consigliarti la dieta in linea alle tue esigenze)

Precedente Primo passo verso il benessere Successivo Perché correre o camminare? Ecco 7 motivi