IL DIGIUNO BREVE – 24H

Quando si vuole prendere una scelta nella vita, approfondire qualche argomento nella quale si è già tirati in causa o semplicemente informarsi è bene comprendere e chiarire fin dall’inizio quale strada si sta intraprendendo o quale informazione si sta acquisendo. Per far si che questo accada è meglio formare un’idea base ben chiara sulla quale andremo a far crescere a seconda di quella credenza o semplice informazione la nostra persona e il nostro stile di vita;

PREMESSA

Il digiuno è una pratica molto conosciuta e diffusa sin dall’antichità. Esso viene praticato in molte religioni e vie spirituali come mezzo di purificazione dell’organismo; il suo effetto è reale e suoi benefici sono stati anche scientificamente approvati. E’ bene sapere che il corpo digestivo (intestino, stomaco…) ha un suo cervello e come ogni cervello ama le abitudini, di conseguenza ha un suo meccanismo di registrazione riguardo l’ingerimento degli alimenti. Pochi e poche volte ascoltiamo il corpo per comprendere quando realmente ha fame e di cosa ha bisogno, questo é ciò che succede attraverso l’abitudine. Quando si digiuna per 24-36 ore il corpo utilizza le sue riserve immediate, come ad esempio: il glicogeno che si trova nel fegato e nei muscoli, o il cibo che deve essere ancora digerito. Detto ciò il miglior modo per avvicinarti al digiuno senza fallire é di comprendere che non stai digiunando, ma che stai semplicemente posticipando il tuo primo pasto della giornata!

EFFETTI E BENEFICI SUL CORPO

Il digiuno breve non viene considerato un vero e proprio digiuno in quanto il nostro organismo ha bisogno di molte più ore prima di entrare pienamente in un metabolismo chetogenico, in cui si basa a bruciare i grassi per ottenere energia e non più i carboidrati. Quindi più che digiuno potremmo definirlo come fosse un ‘’riposo digestivo’’; questo ‘’riposo’’ apporta al nostro organismo svariati benefici:

– Riduzione del grasso corporeo

– Riduzione dello stress ossidativo

– Riduzione dell’infiammazione cronica (CRP, IL-6, TNF, BDNF, e altro)

– Riduzione del rischio di cancro

– Riduzione dei lipidi nel sangue

– Maggior sensibilità insulinica 

– Maggior consumo di grassi

– Miglior controllo dell’appetito

– Miglioramento della funzione cardiovascolare

– Incremento della memoria e delle funzioni cognitive

MA COME FUNZIONA IL DIGIUNO BREVE?

Il digiuno solitamente ha inizio dopo il pasto serale, in modo da permettere a chi lo pratica di ”sentire” meno le ore di fame grazie al fatto che qualche ora dopo dormiremmo; è consigliato per quella sera di cenare relativamente presto, intorno alle 18.30 così da poter recuperare ancora qualche ora in più. Durante queste 24 ore non si deve ingerire alcun alimento e ne alcuna bevanda a parte l’acqua. Finite le 24 ore è consigliato di bere un bicchiere d’acqua 5 minuti prima del pasto e d’ingerire il cibo molto lentamente cosi da preparare l’intestino al processo digestivo. Da quel momento in poi il vostro corpo sarà molto più pulito per questo mantenere una corretta e sana alimentazione sarebbe cosa giusta.

Precedente Inquinamento da plastica in mare